PROGETTO SPAZI COMUNI

Anno Scolastico: 
2015/16

Cari genitori, siamo lieti di informarvi che anche il nostro istituto durante il consiglio del 13  luglio  2015 ha deliberato l’impegno ad operare nell’ambito del progetto spazi comuni.

Di seguito sintetizziamo di che cosa si tratta:

 

PREMESSA:

La scuola quotidianamente si misura, oggi più che mai, con diversità sociali e personali che sono riflesso inevitabile di quelle che attraversano la società. Negli ultimi anni i docenti si trovano spesso a dover gestire ed affrontare situazioni di difficoltà di varia natura, trovandosi quasi sempre soli e con pochi strumenti per poter incidere significativamente.

La situazione appare trasversale a molte altre agenzie educative del territorio: oratori, associazioni, terzo settore, società sportive. In un tempo in cui le risorse destinate al sociale diminuiscono e i disagi provocati dalla crisi, inevitabilmente crescono, si rischia di rimanere coinvolti in un circolo perverso che sembra non lasciare vie di uscita: “meno soldi più problemi”.

 

PRIMO PASSO: COSTRUIRE COMUNITA’ PER LA RAGGIUNTA DELL’OBBIETTIVO:
La finalità del progetto: generare degli “spazi comuni (pensato e gestito da scuola e territorio insieme) dove poter  affiancare  e accompagnare  i nostri figli\e  adolescenti.

 Per una SFIDA così complessa, è necessario un lavoro condiviso e con un’ottica di medio e lungo periodo. 

COSTITUZIONE GRUPPO DI  LAVORO:
Nella fase iniziale è stato CREATO un gruppo di lavoro trasversale che, nell’anno scolastico 2014/2015, si è incontrato a cadenza periodica per progettare il percorso che viene qui presentato. A partire, dunque, da un mandato chiaro e definito da parte dei Dirigenti Scolastici e dalla partecipazione dell’Amministrazione Comunale al Tavolo di lavoro, il Tavolo di Lavoro così composto (i docenti referenti di ogni Scuola Superiore e due educatori di Cantieri Giovani, il progetto a cura dell’Assessorato alle Giovani Generazioni) ha coinvolto in momenti diversi il corpo docenti, le rappresentanze degli studenti, i comitati genitori delle diverse Scuole e associazionismo e terzo settore del territorio. A ciascuno di loro è stato richiesto di far emergere risorse e criticità dell’ambiente scolastico e dell’universo giovanile, indicando già alcune sperimentazioni da poter intraprendere nel futuro. Nei mesi successivi, il Tavolo ha organizzato quanto raccolto durante gli incontri in tre aree operative: Scuola apertaEsperienze scuola/cittadinanza, e Animazione di strada
 

 

FINALMENTE SI PARTE: 
Il percorso prenderà il via - sabato 17 ottobre dalle 9.00 alle 12.00, presso l’Aula Magna dell’ITET “L. Einaudi” - dal convegno “Spazi Comuni. La città a scuola, la scuola nella città”, aperto al mondo della scuola e a tutta la cittadinanza, con il quale verrà presentato il progetto (le tre aree operative) e se ne approfondiranno senso, obiettivi e metodi. Durante il convegno interverrannoGino Mazzoli (Spazio Comune, Studio Praxis di Reggio Emilia) con “La città a scuola, la scuola nella città”, Barbara Di Tommaso (Studio APS di Milano) con “Sulla strada, in frontiera, ai margini per non disperdere” e Fulvio Cortese(Università degli Studi di Trento e LABSUS di Roma) con “Prendersi cura della scuola, bene comune”.